L’inserimento

E’ passato poco più di un mese dall’apertura del nostro nido. Anche quest’anno abbiamo accolto all’interno della nostra struttura diversi bimbi “nuovi” con le loro famiglie. Sì, “con le loro famiglie”, perché accogliere e poi inserire un bambino in un nido vuol dire anche affrontare questo passaggio con la sua mamma ed il suo papà. Anzi, prima di affrontare l’inserimento vero e proprio del bambino, bisogna saper accogliere i genitori, le loro ansie, le preoccupazioni, le paure che anche solo inconsciamente attraversano la loro mente e li portano a farsi le fatidiche domande: “Avrò fatto la scelta giusta?”, “Ma piangerà? E quanto?”, “Starà bene al nido senza di noi?”. E’ normale e lecito, infatti, che una famiglia possa nutrire delle perplessità di questo tipo. L’inserimento al nido è un evento eccezionale non solo per il bambino, ma anche per i genitori che affidano la loro creatura alle cure delle educatrici che il più delle volte non conoscono e in un ambiente sconosciuto. Per questo riteniamo che sia di fondamentale importanza organizzare ogni anno con i genitori una riunione in cui si presenta il personale, si spiega la routine quotidiana, le diverse attività che i bambini svolgono al nido, che cosa sia l’inserimento e perché necessiti di gradualità, le modalità ed i tempi soggettivi con cui si intende organizzarlo. Inoltre viene data loro la possibilità di vedere direttamente gli spazi accoglienti del nido, dove tutto è a misura di bambino. Possiamo dire che l’inserimento, in realtà, ha inizio proprio con questa riunione perché è in questa occasione che si inizia a prendere confidenza con l’ambiente e si gettano le basi per intraprendere una relazione famiglia-educatrici basata sulla fiducia reciproca. Poter condividere, inoltre, questo tipo di esperienza con genitori che l’hanno già vissuta e superata potrebbe essere di valido aiuto per non sentirsi soli. Pertanto quest’anno abbiamo proposto ai genitori dei nostri bambini un’attività semplice, ma preziosa. Lasciando a disposizione  foglietti, pennarelli e biro, abbiamo chiesto a chi se la sentisse (genitori “vecchi” e “nuovi”) di scrivere il proprio vissuto (attuale o già passato)sul delicato periodo dell’inserimento. Il risultato è stato per noi molto significativo poiché nei biglietti scritti ed incollati sul cartellone abbiamo letto la fatica nell’affrontare il primo vero distacco dal proprio bambino, ma anche la piena soddisfazione nel vedere che dopo le difficoltà iniziali i propri figli sono più sereni e passo dopo passo affrontano assieme ai compagni ed alle educatrici il loro percorso di crescita e sviluppo. Perché “insieme è più bello”!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...